L’uomo nasce dalla natura, e noi lo trattiamo con prodotti naturali incontaminati frutto di una ricerca lunga 4.000 anni

Direos, in anticipo sui tempi, si rifornisce di prodotti Ayurvedici ormai da vari anni presso un Laboratorio Nepalese riconosciuto dal Ministero della Salute locale.

La materia prima viene accuratamente controllata sia in Nepal che in Italia, e viene poi confezionata per fornire ai nostri clienti prodotti sicuri ed efficaci che abbiamo racchiuso nella linea Himalayan Energy. Negli anni abbiamo intessuto rapporti di stima e di amicizia con il Direttore del Laboratorio, Kapil Khatri, che abbiamo deciso di intervistare durante la sua ultima visita in Italia.

Di seguito riportiamo quindi il contenuto integrale dell’intervista. Dal momento che Kapil fa riferimento a tradizioni e pratiche mediche Nepalesi, abbiamo segnalato con un asterisco (*) i passaggi che più si discostano dal nostro sistema sanitario, per non indurre il lettore a considerare come prescrizioni mediche quelle che in Italia sono da interpretare come note culturali riferite a una tradizione medica che in alcuni aspetti si discosta anche molto da quella italiana.

Bene, cominciamo con una domanda semplice: chi è Lei? Cos’è il Suo Laboratorio?

Mi chiamo Kapil Katrie, da Kathmandu (Nepal), e produco preparazioni Ayurvedici nel mio Paese.

La nascita di questo Laboratorio risale a 800 anni fa, ed è la più recente emanazione di una tradizione di famiglia: la sua ultima incarnazione, la “Himalayan Herbal Preparation”, è nata 30 anni fa, ma nella pratica è cambiato solo il nome e la forma legale necessaria a farlo riconoscere dal Ministero della Salute Nepalese.

800 anni fa, infatti, non esisteva un Ministero della Salute: all’epoca, questa famiglia si tramandava di generazione in generazione il mestiere di Vaidya.

Chi erano i Vaidya? Si tratta di quelli che oggi potremmo definire medici naturopati, ma con un’accezione molto più inclusiva e ufficiale: i Vaidya sono i Dottori della Medicina Ayurvedica, medici che prediligono l’uso delle Erbe e degli elementi Naturali per il mantenimento dello stato di salute.

Quindi Lei è a sua volta un Vaidya?
No, purtroppo no.

Io non ho ereditato questa inestimabile conoscenza curativa, anche se ho studiato con altri Vaidya e ho assorbito una minima parte del loro sapere: nonostante questo, non mi sento di potermi mettere al loro livello di conoscenza del funzionamento umano.

Se ragionassimo in termini occidentali, diremmo che io sono un Farmacista e loro sono Medici: ho studiato con i Vaidya e collaboro quotidianamente con molti di loro, che si riforniscono nel mio Laboratorio e si confrontano con me per l’elaborazione delle preparazioni ayurvediche.

Che tipo di prodotti preparate?
La tradizione antica richiede di non usare alcuna strumentazione moderna, anche quando questo permetterebbe di risparmiare molto lavoro.

I nostri prodotti sono di tre tipi: alchemici, generici e specifici;

  • quelli alchemici noi li chiamiamo Bhasma, e sono le materie prime nella loro forma più semplice: vengono impiegati singolarmente o, più spesso, vengono combinati dai Vaidya per formare vere e proprie medicine*
  • i prodotti generici sono quelli che hanno già un certo livello di complessità ma che ancora possono essere impiegati senza la prescrizione di un medico*: si tratta del Chayavan Prasa, del Tulsi Tè, e dello Shilajit, il più potente di tutti. Sono anche i prodotti che esportiamo di più, e qui in Italia arrivano in esclusiva con Direos
  • infine, ci sono i prodotti specifici. In Nepal vengono usati a scopo curativo per malattie precise e in quanto tali devono essere prescritto da un Vaidya*. Possono essere combinazioni di prodotti alchemici (Bhasma) e generici, ma la loro composizione varia molto da caso a caso

 

 

Come avviene la lavorazione dei prodotti?
Le piante sono tutte raccolte e lavorate a mano.

La preparazione di questi prodotti può richiedere anche varie settimane o addirittura mesi, a seconda dei casi: si va dalle 2 settimane del Chayavan Prasa ai 9-12 mesi dello Shilajit, che a seconda della stagione può richiedere anche più di un anno.

Non possiamo raccogliere le materie prime quando vogliamo: dobbiamo rispettare i tempi della Natura. A seconda della sostanza che ci interessa dobbiamo prendere in considerazione le fasi lunari, la stagione, il clima: questo vale sia nella fase di raccolta che nella fase di lavorazione.

È un lavoro complesso.
Per me è una missione.

Si tratta di una tradizione antichissima che va diffusa anche al di fuori dal Nepal. Noi prepariamo questi prodotti Ayurvedici esattamente come veniva fatto 4.000 anni fa, quando sono stati inventati.

*Nota legale: le pratiche contrassegnate dall’asterisco vanno riferite al sistema sanitario e legale del Nepal, e non sono riconducibili a quello italiano. In generale, il contenuto di questa intervista è da considerarsi una nota culturale sui fondamenti storici dell’Ayurveda e non va inteso in alcun modo come un invito ad adottare le pratiche salutistiche descritte.